Salta navigazione.
Home

DTL Belluno: aggressione verbale nei confronti del personale ispettivo

Gentili colleghi,

a distanza di alcuni mesi dagli ultimi episodi di intolleranza manifestata verso gli ispettori del lavoro, ci è giunta comunicazione di una nuova aggressione verbale, seguita da minacce ed ingiurie, nei confronti di due colleghi della DTL di Belluno che effettuavano un accesso ispettivo in congiunta con funzionari SPISAL e che solo l’intervento delle forze dell’ordine ha evitato si trasformasse in aggressione fisica.

Quanto accaduto getta ancora una volta un velo di tristezza sulla nostra operosità, sulla professionalità con cui ogni giorno svolgiamo il nostro lavoro, a conferma che il clima di ostilità nei confronti della funzione ispettiva non è cambiato.

Manifestiamo tutta la nostra vicinanza ai colleghi, non tanto con queste brevi parole e con l’incoraggiamento a trovare sempre nuove motivazioni per svolgere il nostro lavoro, ma con il nostro impegno quotidiano e disinteressato a promuovere, a tutti i livelli, una cultura della legalità e del rispetto delle istituzioni, a valorizzare il ruolo sociale ed istituzionale dell’ispettore del lavoro, a sollecitare le forze politiche e l’Amministrazione perché non ignorino le difficoltà che incontriamo e predispongano concreti interventi.

Nella consapevolezza, infatti,  che il rischio di manifestazioni di intolleranza è intrinseco all’attività che svolgiamo, dobbiamo volgere ogni sforzo all’affievolimento degli effetti che ne possono scaturire.

In tal senso sarebbe auspicabile potenziare l’osmosi di esperienze e soluzioni migliorative fra Uffici territoriali, Associazione degli ispettori, Amministrazione Centrale con particolare riguardo alla Direzione Generale per l’Attività Ispettiva.

Cordialità.

Lo staff ILA

Le considerazioni contenute nel presente scritto sono frutto esclusivo delle riflessioni dello staff dell’Associazione ILA e non hanno in alcun modo carattere impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza dei suoi soci.