Salta navigazione.
Home

Sentenza n. 45394/2016 del 31/03/2016 In caso di procedimento per evasione fiscale legato all’emissione di fatture inesistenti non può essere emessa sentenza di condanna senza consentire all’imputato di ammettere come prova il libro dei beni ammortizzabil

Gentili colleghi,

ritenendo di fare cosa gradita nei confronti degli associati e non, lo Staff ILA, segnala la Sentenza n. 45394/2016 del 31/03/2016 In caso di procedimento per evasione fiscale legato all’emissione di fatture inesistenti non può essere emessa sentenza di condanna senza consentire all’imputato di ammettere come prova il libro dei beni ammortizzabili<

Altre notizie utili su Sito ILA – Ispettori del lavoro Associati<<Pagina Facebook ILA – Ispettori del lavoro Associati<<

Libro dei beni ammortizzabili, registro beni ammortizzabili, fattura per operazione inesistente,

Sentenza n. 45394/2016 del 31/03/2016<

Sentenza n. 45394/2016 del 31/03/2016 In caso di procedimento per evasione fiscale legato all’emissione di fatture inesistenti non può essere emessa sentenza di condanna senza consentire all’imputato di ammettere come prova il libro dei beni ammortizzabili<

Corte di Cassazione, sezione III penale, sentenza 27 ottobre 2016, n. 45394<

Penale Sent. Sez. 3 Num. 45394 Anno 2016 Presidente: ROSI ELISABETTA Relatore: SOCCI ANGELO MATTEO Data Udienza: 31/03/2016<

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

XXXXXX XXXXXXX nato il 21/05/1955 a SABBIONETA

visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso udito in PUBBLICA UDIENZA del 31/03/2016, la relazione svolta dal Consigliere ANGELO MATTEO SOCCI

Udito il Procuratore Generale in persona del STEFANO TOCCI

che ha concluso per: << annullamento con rinvio>>

Uditi difensor Avv.;

RITENUTO IN FATTO

1. La Corte d'Appello di Trento con sentenza del 18 settembre 2014, confermava integralmente la sentenza del tribunale di Bolzano (6 novembre 2013) che aveva condannato Xxxxxx Xxxxxxx (unitamente e Yyyyyyyyy Yyyyyyyy) alla pena di anni 1 di reclusione, concessa l'attenuante dell'art. 2, comma 3, del d. Igs 74 del 2000, prevalente alla recidiva, oltre pene accessorie, in relazione ai reati di cui:

capo A) art 81 cod. pen. e art. 2, commi 1 e 3, del d. Igs. N. 74 del 2000, per avere, quale legale rappresentante della Zzzzzzz zzzzz s.r.l. (a far data dall'11/07/2007), con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di evadere le imposte sui redditi e sul valore aggiunto, avvalendosi delle fatture per operazioni inesistenti, qui di seguito riportate che venivano registrate nelle scritture contabili obbligatorie e detenute ai fini di prova nei confronti dell'amministrazione finanziaria, indicato, nella dichiarazione annuale dei redditi e sul valore aggiunto relativa all'anno di imposta 2007, gli elementi passivi qui sotto specificati:

n. 2 fatture per operazioni inesistenti emesse dalla ditta individuale Ssssss Ssssss  per acquisizione fittizie di beni strumentali per un imponibile pari ad C 14.500,00 ed un'IVA pari ad C 2.900,00 con quote di ammortamento dedotte per l'annualità pari ad C 1.162,00;

n. 1 fattura per operazione inesistente emessa dalla Dddddd 41 s.r.l. per acquisizioni fittizie di servizi (noleggio veicoli) per un imponibile complessivo pari ad C 5.000,00 ed un'IVA complessiva pari ad C 1.000,00;

e quindi elementi passivi complessivi fittizi complessivi, ai fini IVA per C 1.000,00 ed ai fini IRES per C 6.162,00. In Merano il 29 agosto 2008;

capo B) art 8, commi 1 e 3 del d. Igs 74 del 2000, per avere quale legale rappresentante della Dddddd 41 s.r.l. (a far data dal 2/02/2007), al fine di consentire alla Zzzzzzz zzzzz s.r.l. di evadere le imposte sui redditi e l'imposta sul valore aggiunto emesso nei confronti della detta società la fattura per operazioni inesistenti n. 24 del 30/01/2007, avente ad oggetto l'utilizzo di furgoni nell'anno 2007, per un imponibile pari ad C 5.000,00 ed un'IVA pari ad C 1.000,00. In S. Lugano - Trodena (BZ) il 30 novembre 2007. Recidiva specifica reiterata ed infraquinquennale.

2. Xxxxxx Xxxxxxx propone ricorso per Cassazione, tramite il difensore, deducendo i motivi di seguito enunciati, nei limiti strettamente necessari per la motivazione, come disposto dall'art. 173, comma1, disp. att., c.p.p.

2. 1. Omessa assunzione di una prova decisiva; con l'ordinanza dibattimentale del 22 maggio 2013 il giudice di primo grado ha negato l'assunzione di una prova decisiva (art. 606, comma 1, lettera D, del cod. proc. pen.).

La difesa con la richiesta di ammissione della prova documentale del libro dei beni ammortizzabili dei beni della ditta del Ssssss , nel quale vi era la registrazione del muletto effettivamente compravenduto, voleva dimostrare la realtà dell'operazione commerciale tra la ditta del Ssssss  e quella del ricorrente; invece, la relativa fattura, è stata ritenuta inesistente (la n. 12 del 1 aprile 2006). Trattasi di prova evidentemente decisiva poiché la sua ammissione avrebbe comportato una diversa e favorevole decisione. Il giudice di primo grado non aveva ammesso il documento perché non riferibile al reato per cui si procede; il giudice di appello, invece, ha omesso la motivazione sul motivo di gravame.

2. 2. Violazione dell'art. 606 comma 1, lettera B ed E del cod. proc. pen.

La Corte di appello richiama per relazione la motivazione del giudice di primo grado, senza rispondere alle critiche alla decisione contenute nell'appello:

sulla inutilizzabilità delle dichiarazioni rese da Ssssss  Ssssss ;

sulla sentenza di patteggiamento di Ssssss  Ssssss ;

sulle fatture asseritamente emesse per operazioni inesistenti dal Ssssss  Ssssss .

Ha chiesto quindi l'annullamento della sentenza impugnata.

CONSIDERATO IN DIRITTO

3. Il ricorso è fondato, relativamente al primo motivo - omessa ammissione di una prova decisiva - che assorbe l'altro motivo.

L'acquisizione di una prova documentale nel giudizio di appello, pur non implicando la necessità di una formale ordinanza di rinnovazione dell'istruttoria dibattimentale, postula che la prova richiesta sia rilevante e decisiva rispetto al quadro probatorio in atti. (Sez. 3, n. 37879 del 23/06/2015 - dep. 18/09/2015, Pisaniello, Rv. 265022).

La sentenza della Corte di appello, invece, omette di motivare sull'acquisizione della prova documentale (non ammessa in primo grado, con l'ordinanza dibattimentale del 22 maggio 2013), senza valutare (e motivare) la rilevanza e la decisività del documento (libro dei beni ammortizzabili).

L'effettivo scambio commerciale (che il ricorrente afferma essere avvenuto tra gli imputati ed il Ssssss ) da provare con il documento oggetto di richiesta di ammissione da parte della difesa, sia in primo grado e sia in appello, è sicuramente prova da considerarsi decisiva, perché escluderebbe - in radice - la natura di fattura inesistente (fattura n. 12 del 1 aprile 2006, ritenuta in sentenza fattura per operazione inesistente).

La prova decisiva, la cui mancata assunzione legittima il ricorso per cassazione (art. 606 lett. d c.p.p.), infatti è quella idonea a superare contrasti e conseguenti dubbi emergenti dall'acquisito quadro probatorio, oppure atta di per sé ad inficiare l'efficacia dimostrativa di altra o altre prove di sicuro segno contrario; tale non è, invece, quella che necessita di comparazione con gli elementi già acquisiti, non per negarne l'efficacia dimostrativa, bensì per comportarne un confronto dialettico al fine di effettuare una ulteriore valutazione per quanto oggetto del giudizio (Cass. 27/5/94 n. 06202 RV. 197837; Cass. 11/3/98 n. 03148 RV. 210191; Cass. 3/3/00 n. 02689 RV. 215714). Nel nostro caso la prova dello scambio commerciale (vendita) del muletto modello "Pestiera", se effettivamente avvenuto (come voleva dimostrare la difesa con la richiesta probatoria rigettata), risulterebbe prova decisiva - di per sé idonea ad inficiare il risultato della sentenza - per escludere la natura di fattura inesistente.

La sentenza impugnata deve pertanto annullarsi con rinvio alla Corte di appello di Trento per nuovo giudizio dopo l'ammissione e valutazione della prova suddetta.

P.Q.M.

Annulla la sentenza impugnata con rinvio alla Corte di Appello di Trento.

Così deciso il 31/03/2016

Archivio delle Sentenze della Corte di Cassazione<<<

Relazioni e Documenti della Corte di Cassazione<<<

InfoCuria - Giurisprudenza della Corte di giustizia<<

News ILA lavoro 2016<<

News ILA sicurezza 2016<<

Ispettori del lavoro Associati<<

Pagina Facebook ILA – Ispettori del lavoro Associati<<

Sentenza n. 23397/2016 del 17/11/2016 della Corte di Cassazione. Le SEZIONI UNITE DELLA CASSAZIONE hanno deciso che il credito previdenziale di cui alle cartelle non opposte soggiace a termine di 5 anni (e non 10).<

Sentenza n. 39023/2016 del 15/03/2016 della Corte di Cassazione. Appalto e infortunio durante i lavori in quota. Se i dipendenti sono stati informati dei rischi, il committente non è responsabile.<<

Sentenza n. 45198/2016 del 07/04/2016 della Corte di Cassazione dove la Cassazione spiega che se il Datore di lavoro installa telecamere senza autorizzazione anche se le tiene spente è comunque reato.<<

Sentenza n. 19557/2016 del 30/09/2016 della Corte di Cassazione ai fini dei presupposti applicativi della disciplina in materia di licenziamento non possono essere computati nell’organico i dipendenti delle sedi estere dell’azienda<<

Sentenza n. 22323/2016 del 03/11/2015 della Corte di Cassazione con la quale si ritiene discriminatorio con effetti ritorsivi il licenziamento del lavoratore disposto per giustificato motivo oggettivo ritenuto insussistente, allorquando le vere ragioni ..<<

Sentenza n. 22936/2016 del 10/11/2016 della Corte di Cassazione “in caso di rapporto part-time verticale annuo, i periodi di riposo vanno riconosciuti ai fini del pieno accredito della contribuzione”.<<

Sentenza n. 20327/2016 del 10 ottobre 2016 Corte di Cassazione. La responsabilità solidale non è applicabile alle P.A.<<

Sentenza n. 44927/2016 della Corte di Cassazione Locali Sporchi: l'accertamento degli ispettori ASL può essere anche solo visivo<<

Sentenza n. 21901/2016 della Corte di Cassazione con la quale è stata ritenuta illegittimo il licenziamento per superamento del periodo di comporto dovuto al trauma derivante da un episodio di rapina verificatosi presso i locali aziendali.<<

Sentenza n. 21710/2016 della Corte di Cassazione con la quale la Corte ha affermato la natura subordinata di un responsabile di filiale di call-center anche se il datore di lavoro non ha mai esercitato nei suoi confronti il potere disciplinare<<

Sentenza della Corte di Cassazione n. 39058/2016 Lavoratore autonomo precipita per circa 6m. da un parapetto a mensola metallica. Responsabilità del DL dell'impresa affidataria per aver creato il pericolo<<

Sentenza della Corte di Cassazione n. 20594/2016 del 12/10/2016 che afferma la competenza della Direzione provinciale-ispettorato del Lavoro all'irrogazione delle sanzioni relative alla violazione dell'art. 174 cds<<

Sentenza n. 1164/2016 con la quale il TAR Piemonte ha dichiarato il difetto di giurisdizione relativamente alla impugnazione al Giudice Amministrativo di un provvedimento di sospensione della attività imprenditoriale per l’impiego di personale in nero.<<

sentenza n. 20218/2016 della Corte di Cassazione con la quale ha ritenuto valida la risokkkkone del rapporto da parte del datore di lavoro per assenza ingiustificata dal lavoro per tre giorni consecutivi per l’assenza del lavoratore dal posto di lavoro.<<

Sentenza n. 18073/2015 su un infortunio mortale di un lavoratore in un reparto tranceria, con violazione degli artt. 18, comma 1, lett. 4; 26, comma 3; 37, comma 4, d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e illecito amministrativo di cui al D. Lgs. 231/2001<<

Sentenza n. 12678/2016 relativa all’infortunio di un lavoratore in nero<<

Sentenza Corte di Cassazione n. 17637/2016 del 06/09/2016 La Suprema Corte, ha respinto il ricorso del medico contro il licenziamento stabilito dalla Corte di Appello nel 2013 “Non importa se comportamento fraudolento sia o meno intenzionale”.<<

Sentenza del Consiglio di Stato n. 3755/2016 pubblicata il 31 agosto 2016 Ai sensi dell’art. 93 d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50....<<

Sentenza Cassazione n. 36285/2016 Ristrutturazioni, la Cassazione sulla responsabilità del direttore dei lavori in caso di crollo per sisma.<<

Sentenza della Corte di Cassazione Num. 22717 Anno 2016 Sulla responsabilità per un infortunio durante un nolo a freddo.<<

Sentenza Cassazione Penale n. 10448/2010 Omissione di specifica valutazione dei rischi<<

Sentenza Penale Corte di cassazione n. 39727/2010 Demolizione di un solaio e mancanza di mezzi di protezione<<

Medico Competente: Sorveglianza sanitaria Obbligo per rischi specifici. La Corte di Cassazione, terza sezione penale, con sentenza n. 35425 del 24 agosto 2016, ha confermato la condanna per un medico competente……..<<

Sicurezza sul Lavoro: Infoteca dei Riferimenti Informativi per la Sicurezza Università degli Studi di Udine<<

Sentenza della Corte di Cassazione 14305/2016 con la quale la Corte di Cassazione, relativamente alla valutazione di legittimità di un licenziamento disciplinare, ha ritenuto che il diritto alla difesa prevale sulle esigenze legate alla segretezza di docu<<

Sentenza della Corte di Cassazione n. 26617 del 27 giugno 2016 con la quale si spiega che il reato di esercizio abusivo della professione si configura anche se esercitato sotto forma di Società di Servizi<<

Sentenza della Corte di Cassazione n. 15035/2016 con la quale la suprema Corte ha ritenuto non necessario il procedimento di querela di falso per la contestazione di una Ricevuta di Avvenuta Consegna di una PEC di notificazione<<

Sentenza n. 24135 del 10.07.2016 della Corte di Cassazione sul Reato di lesioni personali (art. 590 codice penale) commesso nei confronti di una collega<<

Sentenza della Cassazione Penale n. 48949 del 11 dicembre 2015 “Lavori in quota: rischi insiti e rischi evitabili”<<

Sentenza 15226/2016 della Corte di Cassazione secondo cui “Il lavoratore deve verificare l’invio del certificato di malattia”<<

Sentenza n. 4347 del 2 febbraio 2016 della Corte di Cassazione - Sul contenuto del documento di valutazione dei rischi ex art. 28 del D. Lgs. n. 81/2008.<<

Sentenza del T.a.r. per il Molise, ord., 12 febbraio 2016, n. 77 che rimette Alla Corte di giustizia la compatibilità con il diritto europeo della norma che prevede l'esclusione della ditta che non ha indicato gli oneri di sicurezza.<<

Corte di cassazione, sentenza 18 luglio 2016 n. 14621 Il diritto alla conservazione del posto per il lavoratore tossicodipendente è connesso al mantenimento dell’impedimento derivante dalla permanenza presso la struttura in cui si svolge il programma ter<<

Sentenza della Corte di Cassazione n. 29618/2016 pubblicata il 13 luglio 2016 (Presidente: Conti - udienza: 3.6.2016) sulla resistenza aggravata a Pubblico Ufficiale (art. 337 del Codice Penale).<<

Sentenza della Corte Costituzionale n° 193/2016 con la quale dichiara non fondata la questione di legittimità costituzionale dell'art. 1 della legge 24 novembre 1981, n. 689 (Modifiche al sistema penale)<<

Sentenza n. 19208 del 9 maggio 2016 della Corte di Cassazione – “Su quando deve considerarsi concluso un cantiere temporaneo o mobile”<<

Sentenza n. 19208 del 9 maggio 2016 della Corte di Cassazione – “Su quando deve considerarsi concluso un cantiere temporaneo o mobile”<<

Sentenza della Corte di Cassazione n. 18914 del 17/05/2012 “L’estinzione del reato contravvenzionale ex D. Lgs. 758/1994 per avvenuto e tempestivo pagamento della sanzione amministrativa ridotta si applica anche nel caso in cui a versare la somma non sia<<

Sentenza della Corte Costituzionale n. 174/2016 con la quale la Corte dichiara la illegittimità costituzionale della norma che limitava l’ammontare della pensione di reversibilità ....<<

Sentenza 13579 del 4 luglio 2016 “pagamento al lavoratore pubblico: delle differenze retributive per le espletate mansioni superiori; ……”<<

Sentenza Corte di Cassazione n. 5233 del 2016 pubblicata in data 16/03/2016 “Sicurezza sul lavoro - Omessa vigilanza sull’impiego degli strumenti di protezione - Infortunio - Responsabilità del datore di lavoro – Risarcimento”<<

Corte di Cassazione, Sentenze, Relazioni e Documenti.<<