Salta navigazione.
Home

Sentenza n. 26467/2016 del 21/12/2016 della Corte di Cassazione “nel licenziamento motivato con la soppressione del posto di lavoro, il datore di lavoro, in presenza di altre posizioni aziendali disponibili, sia pur di contenuto professionale inferiore...

Gentili colleghi,

ritenendo di fare cosa gradita nei confronti degli associati e non, lo Staff ILA, segnala la Sentenza n. 26467/2016 del 21/12/2016 della Corte di Cassazione “nel licenziamento motivato con la soppressione del posto di lavoro, il datore di lavoro, in presenza di altre posizioni aziendali disponibili, sia pur di contenuto professionale inferiore, ha l'onere di prospettare al lavoratore la possibilità di essere utilizzato in tali mansioni non equivalenti quale alternativa al programmato recesso datoriale”.<

Altre notizie utili su Sito ILA – Ispettori del lavoro Associati<, Pagina Facebook ILA – Ispettori del lavoro Associati<

Sentenza n. 26467/2016 del 21/12/2016 della Corte di Cassazione<

Sentenza n. 26467/2016 del 21/12/2016 della Corte di Cassazione “nel licenziamento motivato con la soppressione del posto di lavoro, il datore di lavoro, in presenza di altre posizioni aziendali disponibili, sia pur di contenuto professionale inferiore, ha l'onere di prospettare al lavoratore la possibilità di essere utilizzato in tali mansioni non equivalenti quale alternativa al programmato recesso datoriale”.<

Civile Sent. Sez. L Num. 26467 Anno 2016 Presidente: NAPOLETANO GIUSEPPE Relatore: SPENA FRANCESCA Data pubblicazione: 21/12/2016<

SENTENZA

sul ricorso 1290-2014 proposto da:

XXXXXXXXX XXXXXXX C.F. XXXXXXXXXXX, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA GROENLANDIA 31, presso lo studio dell'avvocato STEFANO MARGIOTTA, che lo rappresenta e difende, giusta delega in atti;

- ricorrente -

contro

YYYY YYYYYYYYYY S.P.A. C.F. yyyyyyyyyyy, in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DI SAN BASILIO 72, presso lo studio degli avvocati David Maria Santoro Davide.

GIUSEPPE SPORTELLI, (studio Simmons & Simmons) che la rappresentano e difendono, giusta delega in atti;

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 887/2013 della CORTE D'APPELLO di MILANO, depositata il 02/08/2013 R.G.N. 765/2012; udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 21/09/2016 dal Consigliere Dott. FRANCESCA SPENA;

udito l'Avvocato MARGIOTTA STEFANO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. FRANCESCA CERONI che ha concluso per l'accoglimento del ricorso per quanto di ragione.

PROC. nr. 1290/2014 RG

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con ricorso depositato al Tribunale di Monza in data 14 giugno 2010 XXXXXXXXX XXXXXXX, già dipendente della società YYYY YYYYYYYYYY spa, impugnava il licenziamento intimatogli per soppressione del posto di lavoro in data 1 agosto 2008, deducendo la possibilità di un reimpiego alternativo in mansioni equivalenti o inferiori ; chiedeva dichiararsi la nullità o illegittimità del recesso e condannarsi il datore di lavoro alla reintegrazione ed al risarcimento del danno.

Il giudice del lavoro, esperita la attività istruttoria, con sentenza del 21.12.2011-27 gennaio 2012 ( nr. 815/2011) accoglieva la domanda .

La Corte d'appello di Milano, con sentenza del 4.7-2.8.2013 (nr. 887/2013), accogliendo l'appello della società Yyyy yyyyyyyyyy spa ed in riforma della sentenza di primo grado, respingeva la azione di impugnazione del licenziamento.

La Corte territoriale osservava essere pacifico in causa- nonché provato dall'istruttoria che il XXXXXXXXX era stato adibito a mansioni di manutentore preso il punto vendita di Busnago e che tale attività era stata esternalizzata .

La violazione dell'obbligo di repechage, pur avendo sostanzialmente costituito l'unico presupposto della azione, non aveva formato oggetto di idonee deduzioni in punto di fatto da parte del lavoratore .

Nel ricorso introduttivo del primo grado questi non aveva indicato in modo specifico alcuna posizione lavorativa nella quale avrebbe potuto essere utilmente ricollocato ma si era limitato ad elencare in modo generico possibili mansioni - quali quelle di impiegato, cassiere, rifornitore di banco e vigilanza.

La elencazione delle predette mansioni non assolveva all'onere del lavoratore di indicare in ricorso gli effettivi posti di lavoro disponibili in azienda, poiché non bastava indicare in astratto categorie di possibili mansioni.

A tali osservazioni, per sé dirimenti, andava aggiunto che la istruttoria aveva consentito di accertare la impossibilità della ricollocazione del ricorrente in mansioni equivalenti e la assenza di nuove assunzioni per lo stesso livello di inquadramento del Xxxxxxxxx.

L'obbligo di riassegnazione a mansioni inferiori, ritenuto inadempiuto dal giudice del primo grado, non poteva essere invocato dal lavoratore per la prima volta in sede giudiziaria ma sorgeva soltanto in presenza di un patto di dequalificazione tra le parti del rapporto di lavoro antecedente o coevo alla risoluzione del rapporto di lavoro, patto che nella specie era del tutto indimostrato.

Doveva dunque escludersi l'obbligo della società di ricollocare il Xxxxxxxxx in mansioni di livello inferiore.

Neppure si poneva una questione di violazione dei criteri di scelta del lavoratore da licenziare, posto che la intervenuta soppressione della specifica posizione del Xxxxxxxxx escludeva la necessità di operare una scelta. Comunque non vi era alcuna possibilità di comparare la sua posizione rispetto a quella degli altri lavoratori indicati nella sentenza di primo grado (rispetto al FERRARA in quanto questi era dipendente di altra società del gruppo, al FERRARI in quanto trasferito a Busnago dopo più di un anno dal licenziamento, agli altri addetti alla manutenzione presso punti vendita diversi perché non vi era alcuna allegazione circa le ragioni di una eventuale violazione degli obblighi di correttezza e buona fede) .

Per la Cassazione della sentenza ricorre XXXXXXXXX XXXXXXX, articolando tre motivi. Resiste con controricorso la società YYYY YYYYYYYYYY spa.

Entrambe le parti hanno depositato memoria.

MOTIVI DELLA DECISIONE

1 Con il primo motivo il ricorrente ha dedotto, ai sensi dell'articolo 360 co.1 nr. 3 e nr 5 cpc:

- violazione e falsa applicazione degli artt. 3 e 5 L.604/1966, 1175,1176,1375,2697 cc, 115,116, 414 cpc.;

- omesso esame di un fatto decisivo del giudizio ed oggetto di discussione tra le parti, consistente nella comparazione della propria posizione con quella degli altri manutentori rimasti in servizio.

La censura afferisce alla statuizione della Corte di merito secondo cui la soppressione del posto di lavoro esonerava il datore di lavoro dall'onere di provare il rispetto degli obblighi di correttezza e buona fede nella scelta del dipendente da licenziare.

Il ricorrente, premesso di essere l'unico manutentore impegnato presso la sede di Busnago, ha assunto che correttamente il giudice del primo grado aveva evidenziato che il datore di lavoro non aveva indicato il criterio in base al quale aveva mantenuto in servizio i due manutentori nei punti vendita viciniori di Lonato e Brembate ( situati in un raggio di distanza tra gli 8 Km. ed i 20 Km circa); la sentenza d'appello aveva invece affermato essere a carico del lavoratore l'onere di allegare gli elementi in base ai quali la scelta fosse in contrasto con gli obblighi di correttezza e buona fede, in violazione delle norme di diritto evocate in rubrica.

Del resto nella comunicazione del licenziamento non si faceva riferimento al fatto che il servizio di manutenzione fosse stato esternalizzato soltanto in alcune sedi sicché egli neppure era in grado di conoscere- e contestare in ricorso- la circostanza che alcuni manutentori fossero rimasti in servizio presso sedi diverse, emersa soltanto dalla attività istruttoria.

Il motivo è infondato.

La giurisprudenza di questa Corte invocata dal ricorrente a sostegno delle proprie difese attiene alla diversa ipotesi in cui la soppressione della posizione lavorativa riguardi uno od alcuni soltanto di più posti omogenei e fungibili presso una stessa sede di lavoro, sicché si ponga una effettiva questione di scelta del lavoratore che debba risentire gli effetti della riorganizzazione.

Nella fattispecie di causa è stato accertato in sentenza che il XXXXXXXXX era l'unico manutentore in servizio nella sede di assegnazione sicché la riorganizzazione aziendale determinava in via diretta la sua estromissione, senza alcun margine discrezionale.

In ricorso si assume la necessità di effettuare una comparazione con i dipendenti addetti ad altre sedi aziendali, secondo un criterio di vicinanza territoriale; di violazione dei criteri di correttezza e buona fede nella scelta del dipendente da licenziare e della distribuzione dei relativi oneri probatori potrebbe discorrersi, dunque, ove preliminarmente si ammettesse la esistenza di un siffatto obbligo di comparazione.

A tale questione deve darsi risposta negativa; l' obbligo di comparazione può porsi soltanto nelle ipotesi di licenziamento collettivo, nelle quali la legislazione si ispira alla esigenza di garantire il minore impatto sociale possibile della riduzione del personale

E' in riferimento a tali ipotesi che la giurisprudenza di questa Corte ha affermato che ha la riduzione di personale deve, in linea generale, investire l'intero complesso aziendale, potendo essere limitata a specifici rami aziendali soltanto se caratterizzati da autonomia e specificità delle professionalità utilizzate, infungibili rispetto alle altre (cfr. al riguardo, Cass. 14 giugno 2007 n. 13876 e, in precedenza, Cass. sent. nn. 7752/06, 9888/06, 11034/06 e 11886/06) e che il datore di lavoro deve indicare nella comunicazione iniziale sia le ragioni della limitazione dei licenziamenti ai dipendenti di alcune unità (o settori) sia le ragioni per cui non ritiene di ovviare ad alcuni licenziamenti con il trasferimento ad unità produttive geograficamente vicine (Cass. sez. lav. n. 22655 dell'11/12/2012).

Nelle ipotesi di licenziamento individuale per giustificato motivo oggettivo, invece, la legittimità del licenziamento è condizionata alla sola verifica della effettività della esigenza di riduzione del personale e del rapporto di causalità tra tale esigenza ed il licenziamento concretamente operato sicché una questione di comparazione si pone, per come si è premesso, nei soli casi in cui la esigenza di riorganizzazione aziendale sia potenzialmente riferibile ad una pluralità di posizioni di lavoro e non anche invece su base territoriale .

La sentenza impugnata ha correttamente applicato tale principio di diritto, avendo accertato:

- da un lato, che la determinazione aziendale di esternalizzare il servizio di manutenzione riguardava il punto vendita di Busnago, nel quale il lavoratore era impiegato (rapporto di causalità tra la esigenza organizzativa ed il licenziamento);

- dall'altro, che il lavoratore era l' unico addetto al servizio sicché non si poneva alcuna questione di scelta.

Il secondo ed il terzo motivo di ricorso attengono alle statuizioni della sentenza relative all' adempimento da parte del datore di lavoro all'obbligo di "repechage".

2. Con il secondo motivo il ricorrente ha denunziato- ai sensi dell'articolo 360 co.1 nr 3 e nr. 5 cpc.- violazione e falsa applicazione degli articoli 3 e 5 L. 604/1966, 2103 ,2697 cc, 115,116,414 cpc nonché omesso esame di un fatto decisivo del giudizio ed oggetto di discussione .

Il motivo investe la pronunzia resa in punto di possibile assegnazione del lavoratore a mansioni inferiori.

Il ricorrente ha dedotto che, contrariamente a quanto statuito in sentenza, non era a suo carico l' onere di dimostrare di avere preventivamente offerto al datore di lavoro la propria disponibilità a svolgere mansioni inferiori bensì gravava sul datore di lavoro la prova di avergli preventivamente offerto l'impiego in mansioni di livello inferiore quale alternativa al licenziamento.

Del resto il lavoratore non avrebbe potuto assolvere all'onere, impostogli nella sentenza impugnata, di tempestività della manifestazione di disponibilità rispetto al licenziamento, essendo interamente rimessa al datore di lavoro la individuazione dei tempi del licenziamento.

3. Con il terzo motivo il ricorrente ha denunziato- ai sensi dell'articolo 360 nr. 3 cpc violazione e falsa applicazione della legge 604/66 e dell'articolo 2697 cc. per avere la Corte di merito ritenuto provata la sua impossibilità di reimpiego in ragione della mancanza di assunzioni nel periodo successivo al licenziamento, omettendo di considerare le assunzioni effettuate nel periodo immediatamente antecedente .

Nel motivo il ricorrente si duole altresì del fatto che il giudice dell'appello abbia escluso la rilevanza della apertura di altri punti di vendita, nei quali era prevista la posizione di manutentore, nell'anno successivo al licenziamento .

Soltanto nella memoria ex articolo 378 cpc il ricorrente ha fatto appello al principio, affermato dalla più recente giurisprudenza di questa Corte ( Cass. sez. lav. nr . 5592/2016), secondo cui l'onere di allegare la impossibilità del reimpiego del lavoratore in mansioni equivalenti grava interamente a carico del datore di lavoro- (senza che al lavoratore sia richiesta la indicazione delle posizioni lavorative disponibili) - ed ha censurato il contrario assunto espresso nella sentenza impugnata.

3. Il terzo motivo va esaminato in via logicamente preliminare, in quanto l' obbligo del datore di lavoro di reimpiegare il lavoratore licenziando in mansioni equivalenti prevale su quello di reimpiego in mansioni inferiori, che resta subordinato alla impossibilità di adempiere al primo.

Il motivo è inammissibile.

In limine si rileva che con la memoria ex articolo 378 cpc possono essere esclusivamente precisati i motivi già dedotti nel ricorso ex articolo 360 cpc.; nella fattispecie il ricorrente ha invece introdotto una censura nuova, concernente la ripartizione tra datore di lavoro e lavoratore degli oneri di allegazione in materia di obbligo di repechage.

La censura, nei termini in cui è stata ritualmente introdotta, sconta poi il vizio di inammissibilità sotto diversi e concorrenti profili:

- In primo luogo essa introduce nuove allegazioni in fatto — (le assunzioni che sarebbero state operate nel periodo precedente il licenziamento, la apertura di nuovi punti vendita nel periodo successivo) - che non sono esaminate in sentenza senza indicare l'avvenuta loro deduzione innanzi al giudice di merito ( e senza specificare l'atto del giudizio contenente tali allegazioni) sicché resta preclusivo il rilievo di novità della censura;

- La allegazione è poi all'evidenza generica;

- Da ultimo, la concorrente ed autonoma ratio decidendi, consistente nel ritenuto difetto di allegazione da parte del lavoratore delle specifiche posizioni di lavoro disponibili, è stata irritualmente censurata soltanto nella memoria ex articolo 378 cpc

2. Il secondo motivo di ricorso è fondato.

In questa sede va ribadito il principio, già espresso da questa Corte in tema di licenziamento per riorganizzazione aziendale (Cassazione civile, sez. lav., 08/03/2016, n. 4509; Cass. 19 novembre 2015 , n. 23698; Cass. 13 agosto 2008, n. 21579), secondo cui, fermo restando che l’eventuale patto di demansionamento deve essere anteriore o coevo al licenziamento, in tanto il consenso del lavoratore rispetto alla assegnazione a mansioni inferiori può essere espresso in quanto il datore di lavoro, in ottemperanza al principio di buona fede nell'esecuzione del contratto, gli abbia prospettato la possibilità di un'utilizzazione in mansioni inferiori.

Il datore di lavoro che adduca a fondamento del licenziamento la soppressione del posto di lavoro cui era addetto il lavoratore ha l'onere di provare, dunque, non solo che al momento del licenziamento non sussisteva alcuna posizione di lavoro alla quale egli avrebbe potuto essere assegnato per l'espletamento di mansioni equivalenti ma anche di avergli prospettato, senza ottenerne il consenso, la possibilità di un reimpiego in mansioni inferiori rientranti nel suo bagaglio professionale.

In tal senso si palesa l'erroneità della statuizione impugnata, che nessun accertamento ha svolto sul punto, argomentando esclusivamente in ordine alla omessa manifestazione da parte del lavoratore, in epoca anteriore o coeva al licenziamento , di una volontà intesa alla stipula di un "patto di demansionannento".

La sentenza impugnata deve essere pertanto cassata e gli atti rimessi ad altro giudice,che si individua nella Corte d'appello di Milano in diversa composizione, che si adeguerà nella decisione al seguente principio di diritto : "Nei casi di licenziamento per giustificato motivo oggettivo l'onere del datore di lavoro di provare l'adempimento all'obbligo di repechage va assolto anche in riferimento a posizioni di lavoro inferiori, ove rientranti nel bagaglio professionale del lavoratore e compatibili con l'assetto organizzativo aziendale; il datore di lavoro, in conformità al principio di correttezza e buona fede nella esecuzione del contratto, è tenuto a prospettare al lavoratore la possibilità di un impiego in mansioni inferiori quale alternativa al licenziamento ed a fornire la relativa prova in giudizio".

Il giudice del rinvio provvederà anche alla disciplina delle spese del presente grado.

PQM

Accoglie il secondo motivo, assorbito il primo e dichiarato inammissibile il terzo. Cassa la sentenza impugnata in relazione al motivo accolto e rinvia- anche per le spese- alla Corte di Appello di Milano in diversa composizione. Così deciso in Roma, il 21.9.2016

Sito Corte Costituzionale<

Archivio delle Sentenze della Corte di Cassazione<<

Relazioni e Documenti della Corte di Cassazione<<

InfoCuria - Giurisprudenza della Corte di Giustizia<

News ILA lavoro 2016<

News ILA sicurezza 2016<

Ispettori del lavoro Associati<

Pagina Facebook ILA – Ispettori del lavoro Associati<

Corte di giustizia dell’Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 143/16 Lussemburgo, 21 dicembre 2016 uno Stato membro di opporsi, in talune circostanze, a licenziamenti collettivi nell’interesse della protezione dei lavoratori e dell’occupazione.<

Sentenza n. 18507/2016 del 21/09/2016 della Corte di Cassazione ricorso, da parte del datore, ad una agenzia investigativa per verificare l'attendibilità della certificazione medica di lombosciatalgia presentata dal lavoratore.<

Sentenza n. 24455/2016 del 30/11/2016 della Corte di Cassazione non può essere licenziato per giusta causa il dipendente che, improvvisamente trasferito in un altro reparto e senza un congruo preavviso, si rifiuta di lavorare.<

Sentenza n. 34900/2007 del 17/09/2007 della Corte di Cassazione “Lavoratori minorenni privi di visita medica e Improcedibilità penale”<

Sentenza n. 1315/2016 del 15/12/2016 del TAR Reggio Calabria Anomalia dell’offerta, il nuovo Codice impone il rigoroso rispetto degli obblighi retributivi minimi<

Sentenza n. 24803/2016 del 05/12/2016 della Corte di Cassazione “la prova nel licenziamento per giustificato motivo oggettivo”<

Infortunio sul Lavoro: Sentenza n. 24442/2016 del 30/11/2016, Infortunio con una macchina impastatrice. Responsabilità contrattuale o extracontrattuale tra datore, venditore e costruttore<

Infortunio sul lavoro - Sentenza n. 23781/2016 del 22/11/2016 Postumi non cumulabili derivati da infortunio.<

Infortunio sul lavoro: Sentenza n. 44327/2016 del 30/09/2016 della Corte di Cassazione, Art. 71 del D. Lgs. n. 81/2008 Il datore di lavoro ha l’obbligo di verificare la sicurezza delle macchine introdotte nella propria azienda<

Sentenza n. 22489/2016 del 04/11/2016 della Corte di Cassazione la quale dichiara che non può configurarsi una risoluzione del rapporto per mutuo consenso se il lavoratore nelle more dello svolgimento dell’iter giudiziale trova un’altra occupazione<

 Sentenza n. 22550/2016 del 07/11/2016 Legittimo il licenziamento del dipendente pubblico che si sottrae per due volte alla visita medica di idoneità fisica.<

Sentenza n. 45394/2016 del 31/03/2016 In caso di procedimento per evasione fiscale legato all’emissione di fatture inesistenti non può essere emessa sentenza di condanna senza consentire all’imputato di ammettere come prova il libro dei beni ammortizzabil<

Sentenza n. 23397/2016 del 17/11/2016 della Corte di Cassazione. Le SEZIONI UNITE DELLA CASSAZIONE hanno deciso che il credito previdenziale di cui alle cartelle non opposte soggiace a termine di 5 anni (e non 10).<

Sentenza n. 39023/2016 del 15/03/2016 della Corte di Cassazione. Appalto e infortunio durante i lavori in quota. Se i dipendenti sono stati informati dei rischi, il committente non è responsabile.<

Sentenza n. 45198/2016 del 07/04/2016 della Corte di Cassazione dove la Cassazione spiega che se il Datore di lavoro installa telecamere senza autorizzazione anche se le tiene spente è comunque reato.<

Sentenza n. 19557/2016 del 30/09/2016 della Corte di Cassazione ai fini dei presupposti applicativi della disciplina in materia di licenziamento non possono essere computati nell’organico i dipendenti delle sedi estere dell’azienda<

Sentenza n. 22323/2016 del 03/11/2015 della Corte di Cassazione con la quale si ritiene discriminatorio con effetti ritorsivi il licenziamento del lavoratore disposto per giustificato motivo oggettivo ritenuto insussistente, allorquando le vere ragioni ..<

Sentenza n. 22936/2016 del 10/11/2016 della Corte di Cassazione “in caso di rapporto part-time verticale annuo, i periodi di riposo vanno riconosciuti ai fini del pieno accredito della contribuzione”.<

Sentenza n. 20327/2016 del 10 ottobre 2016 Corte di Cassazione. La responsabilità solidale non è applicabile alle P.A.<

Sentenza n. 44927/2016 della Corte di Cassazione Locali Sporchi: l'accertamento degli ispettori ASL può essere anche solo visivo<

Sentenza n. 21901/2016 della Corte di Cassazione con la quale è stata ritenuta illegittimo il licenziamento per superamento del periodo di comporto dovuto al trauma derivante da un episodio di rapina verificatosi presso i locali aziendali.<

Sentenza n. 21710/2016 della Corte di Cassazione con la quale la Corte ha affermato la natura subordinata di un responsabile di filiale di call-center anche se il datore di lavoro non ha mai esercitato nei suoi confronti il potere disciplinare<

Sentenza della Corte di Cassazione n. 39058/2016 Lavoratore autonomo precipita per circa 6m. da un parapetto a mensola metallica. Responsabilità del DL dell'impresa affidataria per aver creato il pericolo<

Sentenza della Corte di Cassazione n. 20594/2016 del 12/10/2016 che afferma la competenza della Direzione provinciale-ispettorato del Lavoro all'irrogazione delle sanzioni relative alla violazione dell'art. 174 cds<

Sentenza n. 1164/2016 con la quale il TAR Piemonte ha dichiarato il difetto di giurisdizione relativamente alla impugnazione al Giudice Amministrativo di un provvedimento di sospensione della attività imprenditoriale per l’impiego di personale in nero.<

sentenza n. 20218/2016 della Corte di Cassazione con la quale ha ritenuto valida la risokkkkone del rapporto da parte del datore di lavoro per assenza ingiustificata dal lavoro per tre giorni consecutivi per l’assenza del lavoratore dal posto di lavoro.<

Sentenza n. 18073/2015 su un infortunio mortale di un lavoratore in un reparto tranceria, con violazione degli artt. 18, comma 1, lett. 4; 26, comma 3; 37, comma 4, d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e illecito amministrativo di cui al D. Lgs. 231/2001<

Sentenza n. 12678/2016 relativa all’infortunio di un lavoratore in nero<

Sentenza Corte di Cassazione n. 17637/2016 del 06/09/2016 La Suprema Corte, ha respinto il ricorso del medico contro il licenziamento stabilito dalla Corte di Appello nel 2013 “Non importa se comportamento fraudolento sia o meno intenzionale”.<

Sentenza del Consiglio di Stato n. 3755/2016 pubblicata il 31 agosto 2016 Ai sensi dell’art. 93 d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50....<

Sentenza Cassazione n. 36285/2016 Ristrutturazioni, la Cassazione sulla responsabilità del direttore dei lavori in caso di crollo per sisma.<

Sentenza della Corte di Cassazione Num. 22717 Anno 2016 Sulla responsabilità per un infortunio durante un nolo a freddo.<

Sentenza Cassazione Penale n. 10448/2010 Omissione di specifica valutazione dei rischi<

Sentenza Penale Corte di cassazione n. 39727/2010 Demolizione di un solaio e mancanza di mezzi di protezione<

Medico Competente: Sorveglianza sanitaria Obbligo per rischi specifici. La Corte di Cassazione, terza sezione penale, con sentenza n. 35425 del 24 agosto 2016, ha confermato la condanna per un medico competente……..<

Sicurezza sul Lavoro: Infoteca dei Riferimenti Informativi per la Sicurezza Università degli Studi di Udine<

Sentenza della Corte di Cassazione 14305/2016 con la quale la Corte di Cassazione, relativamente alla valutazione di legittimità di un licenziamento disciplinare, ha ritenuto che il diritto alla difesa prevale sulle esigenze legate alla segretezza di docu<

Sentenza della Corte di Cassazione n. 26617 del 27 giugno 2016 con la quale si spiega che il reato di esercizio abusivo della professione si configura anche se esercitato sotto forma di Società di Servizi<

Sentenza della Corte di Cassazione n. 15035/2016 con la quale la suprema Corte ha ritenuto non necessario il procedimento di querela di falso per la contestazione di una Ricevuta di Avvenuta Consegna di una PEC di notificazione<

Sentenza n. 24135 del 10.07.2016 della Corte di Cassazione sul Reato di lesioni personali (art. 590 codice penale) commesso nei confronti di una collega<

Sentenza della Cassazione Penale n. 48949 del 11 dicembre 2015 “Lavori in quota: rischi insiti e rischi evitabili”<

Sentenza 15226/2016 della Corte di Cassazione secondo cui “Il lavoratore deve verificare l’invio del certificato di malattia”<

Sentenza n. 4347 del 2 febbraio 2016 della Corte di Cassazione - Sul contenuto del documento di valutazione dei rischi ex art. 28 del D. Lgs. n. 81/2008.<

Sentenza del T.a.r. per il Molise, ord., 12 febbraio 2016, n. 77 che rimette Alla Corte di giustizia la compatibilità con il diritto europeo della norma che prevede l'esclusione della ditta che non ha indicato gli oneri di sicurezza.<

Corte di cassazione, sentenza 18 luglio 2016 n. 14621 Il diritto alla conservazione del posto per il lavoratore tossicodipendente è connesso al mantenimento dell’impedimento derivante dalla permanenza presso la struttura in cui si svolge il programma ter<

Sentenza della Corte di Cassazione n. 29618/2016 pubblicata il 13 luglio 2016 (Presidente: Conti - udienza: 3.6.2016) sulla resistenza aggravata a Pubblico Ufficiale (art. 337 del Codice Penale).<

Sentenza della Corte Costituzionale n° 193/2016 con la quale dichiara non fondata la questione di legittimità costituzionale dell'art. 1 della legge 24 novembre 1981, n. 689 (Modifiche al sistema penale)<

Sentenza n. 19208 del 9 maggio 2016 della Corte di Cassazione – “Su quando deve considerarsi concluso un cantiere temporaneo o mobile”<

Sentenza n. 19208 del 9 maggio 2016 della Corte di Cassazione – “Su quando deve considerarsi concluso un cantiere temporaneo o mobile”<

Sentenza della Corte di Cassazione n. 18914 del 17/05/2012 “L’estinzione del reato contravvenzionale ex D. Lgs. 758/1994 per avvenuto e tempestivo pagamento della sanzione amministrativa ridotta si applica anche nel caso in cui a versare la somma non sia<

Sentenza della Corte Costituzionale n. 174/2016 con la quale la Corte dichiara la illegittimità costituzionale della norma che limitava l’ammontare della pensione di reversibilità ....<

Sentenza 13579 del 4 luglio 2016 “pagamento al lavoratore pubblico: delle differenze retributive per le espletate mansioni superiori; ……”<

Sentenza Corte di Cassazione n. 5233 del 2016 pubblicata in data 16/03/2016 “Sicurezza sul lavoro - Omessa vigilanza sull’impiego degli strumenti di protezione - Infortunio - Responsabilità del datore di lavoro – Risarcimento”<

Corte di Cassazione, Sentenze, Relazioni e Documenti.<