Salta navigazione.
Home

Sentenza n. 26808/2016 del 22/12/2016 della Corte di Cassazione

Gentili colleghi,

ritenendo di fare cosa gradita nei confronti degli associati e non, lo Staff ILA, segnala la Sentenza n. 26808/2016 del 22/12/2016 della Corte di Cassazione<.<

Altre notizie utili su Sito ILA – Ispettori del lavoro Associati<, Pagina Facebook ILA – Ispettori del lavoro Associati<

Sentenza n. 26808/2016 del 22/12/2016 della Corte di Cassazione<

Docenti – Anzianità di servizio – Determinazione – Trattamento economico. La sentenza accoglie l’appello del Ministero dell’istruzione.

Civile Sent. Sez. L Num. 26808 Anno 2016 Presidente: NAPOLETANO GIUSEPPE Relatore: TRIA LUCIA Data pubblicazione: 22/12/2016<

SENTENZA

sul ricorso 26384-2011 proposto da:

XXXXXXX XXXXXX C.F. XXXXXXXXXXX, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA PANAMA 74, presso lo studio dell'avvocato FILIPPO ALESSI, che la rappresenta e difende unitamente all'avvocato GIANNI EMILIO IACOBELLI, giusta delega in atti;

- ricorrente -

contro

CENTRO SERVIZI AMMINISTRATIVI PER LA PROVINCIA DI MESSINA;

- intimato -

nonché contro

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA C.F. 80224030587, in persona del Ministro pro tempore, rappresentato e difeso dall'AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO presso i cui Uffici domicilia in ROMA, ALLA VIA DEI PORTOGHESI, 12 (ATTO DI COSTITUZIONE DEL 16/12/2011);

- resistente con mandato -

avverso la sentenza n. 708/2011 della CORTE D'APPELLO di MESSINA, depositata il 20/07/2011 R.G.N. 1331/2009;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 19/10/2016 dal Consigliere Dott. LUCIA TRIA;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. RENATO FINOCCHI GHERSI che ha concluso per l'inammissibilità del ricorso.

Udienza del 19 ottobre 2016 - Aula B n. 9 del ruolo - RG n. 26384/11 Presidente: Napoletano - Relatore: Tria

1. La sentenza attualmente impugnata (depositata il 20 luglio 2011 e notificata il 15 settembre 2011) accoglie l'appello del Ministero dell'Istruzione (d'ora in poi: MIUR) e del Centro Servizi Amministrativi per la Provincia di Messina avverso la sentenza n. 2746/2009 del Tribunale di Messina e, per l'effetto, rigetta la domanda proposta da Xxxxxx xxxxxxx al fine di ottenere il ripristino della decorrenza della anzianità lavorativa nella V classe stipendiale gennaio 2001 (come originariamente disposto) anziché dall'i gennaio 2002 (come successivamente deliberato), con la condanna del MIUR al pagamento delle corrispondenti differenze retributive.

La Corte d'appello di Messina, per quel che qui interessa, precisa che:

a) è incontestato che l'appellata al 31 dicembre 1995 avesse un'anzianità di 15 anni, 3 mesi', 21 giorni e che pertanto andasse inquadrata nella IV classe stipendiale ex art. 66 del CCNL del Comparto Scuola;

b) è anche certo che per il conseguimento della V classe stipendiale occorrevano 21 anni di servizio;

c) alla data dell'1 gennaio 2001 la Gentile non raggiungeva la suddetta anzianità, in quanto, diversamente da ciò che ha affermato il primo giudice, il residuo - pari ad un anno tre mesi e 21 giorni - che si ottiene sottraendo dall'anzianità maturata al 31 dicembre 1995 quella massima della fascia di inquadramento inferiore (14 anni) deve essere arrotondato ad un anno e non a due anni, in base al secondo comma dell'art. 66 del CCNL cit.;

d) tale norma contrattuale dispone, infatti, che nel calcolo necessario per la determinazione dell'anzianità maturata al 31 dicembre 1995 - utile al fine di stabilire la nuova posizione stipendiale da attribuire - "le frazioni di anno si arrotondano ad anno intero se superiori a sei mesi, e non producono effetti se inferiori";

e) nella specie la frazione di anno da prendere in considerazione non poteva quindi produrre effetti, essendo pari a tre mesi e 21 giorni;

f) le spese del doppio grado di merito vanno compensate in considerazione delle difficoltà interpretative della normativa di riferimento nonché del "falso affidamento" ingenerato nella dipendente dall'Amministrazione che, in un primo momento, aveva riconosciuto la V fascia stipendiale con decorrenza dell'i gennaio 2001.

2. Il ricorso di Xxxxxx xxxxxxx domanda la cassazione della sentenza per un unico motivo. L'intimato MIUR non ha resistito con controricorso, ma ha depositato atto di costituzione ai fini della eventuale partecipazione all'udienza di discussione. Tale partecipazione non si è verificata.

MOTIVI DELLA DECISIONE

I - Sintesi del ricorso

1. Con l'unico motivo di ricorso si denuncia violazione dell'art. 66 del CCNL 4 agosto 1995 per il Comparto Scuola, "che si traduce in carenza motiva per evidente travisamento dei fatti".

Si sottolinea che - come correttamente ritenuto dal primo giudice, anche sulla base della Circolare ministeriale 20 settembre 1996, n. 595, applicativa del CCNL 4 agosto 1995 del Comparto Scuola, per "Inquadramento, trattamento e progressione economica del personale"- essendo indubbio che la ricorrente alla data del 31 dicembre 1995 avesse una anzianità di servizio pari a 15 anni, ella avrebbe dovuto entrare nella fascia di anzianità di 21 anni di servizio all'i gennaio 2001 (e non all'i gennaio 2002) con correlativo inquadramento nella V fascia, in quanto al 31 dicembre 1995 aveva maturato il primo dei sei anni necessari per ottenere la nuova fascia stipendiale.

Si afferma che l'esegesi dell'art. 66, comma 2, cit. nel contesto del CCNL non può che essere quella secondo cui l'anno di inizio del nuovo sistema di calcolo - decorrente dall'I. gennaio 1996 - non è uguale per tutti i dipendenti, perché diversamente la contabilizzazione della pregressa anzianità come disciplinata perderebbe senso.

Il - Esame delle censure

3. Il ricorso non è da accogliere, per le ragioni di seguito esposte.

3.1. Ciò che viene contestato è il sistema di calcolo adottato dalla Corte d'appello per determinare l'anzianità di servizio utile ai fini della decorrenza dell'attribuzione nella V classe stipendiale, avendo la Corte d'appello individuato tale decorrenza dall'I gennaio 2002, come deliberato anche dall'Amministrazione, modificando l'originaria determinazione secondo cui la suddetta decorrenza era stata fissata nell'i gennaio 2001.

Ebbene, il calcolo effettuato dalla Corte d'appello e correttamente giustificato è esatto, sicché la sentenza non merita alcuna censura.

Infatti, se la ricorrente alla data del 31 dicembre 1995 aveva una anzianità di servizio pari a 15 anni, ella ha maturato i 21 anni di servizio al 31 dicembre 2001 e non al primo gennaio 2001, essendo irrilevante il semplice "ingresso" nella fascia di anzianità di 21 anni di servizio gennaio 2001 cui si fa riferimento in ricorso, onde chiedere la decorrenza dell'inquadramento nella V fascia dall'i gennaio 2001 (e non 2002).

In particolare, diversamente da quanto afferma la ricorrente, il primo dei sei anni necessari per ottenere la nuova fascia stipendiale è stato maturato al 31 dicembre 1996 e non al 31 dicembre 1995.

3.2. D'altra parte, il calcolo sulle frazioni di anno è corretto e non risulta contestato in modo efficace.

Invero, è pacifico che il secondo comma dell'art. 66 del CCNL del Comparto Scuola di cui si tratta stabilisca che nel calcolo necessario per la determinazione dell'anzianità maturata al 31 dicembre 1995 - utile al fine di stabilire la nuova posizione stipendiale da attribuire - "le frazioni di anno si arrotondano ad anno intero se superiori a sei mesi, e non producono effetti se inferiori".

È anche sicuro che nella specie la Gentile al 31 dicembre 1995 avesse un'anzianità di 15 anni, 3 mesi, 21 giorni.

Pertanto, la frazione di anno da prendere in considerazione non poteva produrre effetti, essendo pari a tre mesi e 21 giorni e, quindi, inferiore a sei mesi.

3.3. Infine, non risulta proposta - tempestivamente nelle fasi di merito - la domanda di accertamento della non ripetibilità delle somme percepite in buona fede, nei primi dieci mesi del 2002 che sono poi risultate non dovute e la cui corresponsione secondo la Corte d'appello ha ingenerato nella Gentile il "falso affidamento" posto a base della disposta compensazione delle spese giudiziali (in tal senso, vedi: Cass. 4 marzo 2014, n. 4970).

III - Conclusioni

4. In sintesi, il ricorso deve essere respinto. Nulla si deve disporre per le spese del presente giudizio di cassazione in quanto il MIUR e il Centro Servizi Amministrativi della Provincia di Messina non hanno svolto attività difensiva.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso. Nulla per le spese del presente giudizio di cassazione.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sezione lavoro, il 19 ottobre 2016.

Sito Corte Costituzionale<

Archivio delle Sentenze della Corte di Cassazione<<

Relazioni e Documenti della Corte di Cassazione<<

InfoCuria - Giurisprudenza della Corte di Giustizia<

News ILA lavoro 2016<

News ILA sicurezza 2016<

Ispettori del lavoro Associati<

Pagina Facebook ILA – Ispettori del lavoro Associati<

Sentenza n. 26933/2016 del 23/12/2016 della Corte di Cassazione Vigilanza congiunta: la notifica del verbale è dell’Ispettorato del Lavoro Svolgimento del processo. Ricorso al Tribunale di Siracusa del 28/04/2003.<

Sentenza n. 24566/2016 del 01/12/2016 della Corte di Cassazione ha stabilito che la detenzione, in ambito extra lavorativo, di un significativo quantitativo di sostanze stupefacenti a fine di spaccio è idonea a integrare la giusta causa di licenziamento<

Sentenza n. 26467/2016 del 21/12/2016 della Corte di Cassazione “nel licenziamento motivato con la soppressione del posto di lavoro, il datore di lavoro, in presenza di altre posizioni aziendali disponibili, sia pur di contenuto professionale inferiore...<

Corte di giustizia dell’Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 143/16 Lussemburgo, 21 dicembre 2016 uno Stato membro di opporsi, in talune circostanze, a licenziamenti collettivi nell’interesse della protezione dei lavoratori e dell’occupazione.<

Sentenza n. 18507/2016 del 21/09/2016 della Corte di Cassazione ricorso, da parte del datore, ad una agenzia investigativa per verificare l'attendibilità della certificazione medica di lombosciatalgia presentata dal lavoratore.<

Sentenza n. 24455/2016 del 30/11/2016 della Corte di Cassazione non può essere licenziato per giusta causa il dipendente che, improvvisamente trasferito in un altro reparto e senza un congruo preavviso, si rifiuta di lavorare.<

Sentenza n. 34900/2007 del 17/09/2007 della Corte di Cassazione “Lavoratori minorenni privi di visita medica e Improcedibilità penale”<

Sentenza n. 1315/2016 del 15/12/2016 del TAR Reggio Calabria Anomalia dell’offerta, il nuovo Codice impone il rigoroso rispetto degli obblighi retributivi minimi<

Sentenza n. 24803/2016 del 05/12/2016 della Corte di Cassazione “la prova nel licenziamento per giustificato motivo oggettivo”<

Infortunio sul Lavoro: Sentenza n. 24442/2016 del 30/11/2016, Infortunio con una macchina impastatrice. Responsabilità contrattuale o extracontrattuale tra datore, venditore e costruttore<

Infortunio sul lavoro - Sentenza n. 23781/2016 del 22/11/2016 Postumi non cumulabili derivati da infortunio.<

Infortunio sul lavoro: Sentenza n. 44327/2016 del 30/09/2016 della Corte di Cassazione, Art. 71 del D. Lgs. n. 81/2008 Il datore di lavoro ha l’obbligo di verificare la sicurezza delle macchine introdotte nella propria azienda<

Sentenza n. 22489/2016 del 04/11/2016 della Corte di Cassazione la quale dichiara che non può configurarsi una risoluzione del rapporto per mutuo consenso se il lavoratore nelle more dello svolgimento dell’iter giudiziale trova un’altra occupazione<

 Sentenza n. 22550/2016 del 07/11/2016 Legittimo il licenziamento del dipendente pubblico che si sottrae per due volte alla visita medica di idoneità fisica.<

Sentenza n. 45394/2016 del 31/03/2016 In caso di procedimento per evasione fiscale legato all’emissione di fatture inesistenti non può essere emessa sentenza di condanna senza consentire all’imputato di ammettere come prova il libro dei beni ammortizzabil<

Sentenza n. 23397/2016 del 17/11/2016 della Corte di Cassazione. Le SEZIONI UNITE DELLA CASSAZIONE hanno deciso che il credito previdenziale di cui alle cartelle non opposte soggiace a termine di 5 anni (e non 10).<

Sentenza n. 39023/2016 del 15/03/2016 della Corte di Cassazione. Appalto e infortunio durante i lavori in quota. Se i dipendenti sono stati informati dei rischi, il committente non è responsabile.<

Sentenza n. 45198/2016 del 07/04/2016 della Corte di Cassazione dove la Cassazione spiega che se il Datore di lavoro installa telecamere senza autorizzazione anche se le tiene spente è comunque reato.<

Sentenza n. 19557/2016 del 30/09/2016 della Corte di Cassazione ai fini dei presupposti applicativi della disciplina in materia di licenziamento non possono essere computati nell’organico i dipendenti delle sedi estere dell’azienda<

Sentenza n. 22323/2016 del 03/11/2015 della Corte di Cassazione con la quale si ritiene discriminatorio con effetti ritorsivi il licenziamento del lavoratore disposto per giustificato motivo oggettivo ritenuto insussistente, allorquando le vere ragioni ..<

Sentenza n. 22936/2016 del 10/11/2016 della Corte di Cassazione “in caso di rapporto part-time verticale annuo, i periodi di riposo vanno riconosciuti ai fini del pieno accredito della contribuzione”.<

Sentenza n. 20327/2016 del 10 ottobre 2016 Corte di Cassazione. La responsabilità solidale non è applicabile alle P.A.<

Sentenza n. 44927/2016 della Corte di Cassazione Locali Sporchi: l'accertamento degli ispettori ASL può essere anche solo visivo<

Sentenza n. 21901/2016 della Corte di Cassazione con la quale è stata ritenuta illegittimo il licenziamento per superamento del periodo di comporto dovuto al trauma derivante da un episodio di rapina verificatosi presso i locali aziendali.<

Sentenza n. 21710/2016 della Corte di Cassazione con la quale la Corte ha affermato la natura subordinata di un responsabile di filiale di call-center anche se il datore di lavoro non ha mai esercitato nei suoi confronti il potere disciplinare<

Sentenza della Corte di Cassazione n. 39058/2016 Lavoratore autonomo precipita per circa 6m. da un parapetto a mensola metallica. Responsabilità del DL dell'impresa affidataria per aver creato il pericolo<

Sentenza della Corte di Cassazione n. 20594/2016 del 12/10/2016 che afferma la competenza della Direzione provinciale-ispettorato del Lavoro all'irrogazione delle sanzioni relative alla violazione dell'art. 174 cds<

Sentenza n. 1164/2016 con la quale il TAR Piemonte ha dichiarato il difetto di giurisdizione relativamente alla impugnazione al Giudice Amministrativo di un provvedimento di sospensione della attività imprenditoriale per l’impiego di personale in nero.<

sentenza n. 20218/2016 della Corte di Cassazione con la quale ha ritenuto valida la risokkkkone del rapporto da parte del datore di lavoro per assenza ingiustificata dal lavoro per tre giorni consecutivi per l’assenza del lavoratore dal posto di lavoro.<

Sentenza n. 18073/2015 su un infortunio mortale di un lavoratore in un reparto tranceria, con violazione degli artt. 18, comma 1, lett. 4; 26, comma 3; 37, comma 4, d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e illecito amministrativo di cui al D. Lgs. 231/2001<

Sentenza n. 12678/2016 relativa all’infortunio di un lavoratore in nero<

Sentenza Corte di Cassazione n. 17637/2016 del 06/09/2016 La Suprema Corte, ha respinto il ricorso del medico contro il licenziamento stabilito dalla Corte di Appello nel 2013 “Non importa se comportamento fraudolento sia o meno intenzionale”.<

Sentenza del Consiglio di Stato n. 3755/2016 pubblicata il 31 agosto 2016 Ai sensi dell’art. 93 d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50....<

Sentenza Cassazione n. 36285/2016 Ristrutturazioni, la Cassazione sulla responsabilità del direttore dei lavori in caso di crollo per sisma.<

Sentenza della Corte di Cassazione Num. 22717 Anno 2016 Sulla responsabilità per un infortunio durante un nolo a freddo.<

Sentenza Cassazione Penale n. 10448/2010 Omissione di specifica valutazione dei rischi<

Sentenza Penale Corte di cassazione n. 39727/2010 Demolizione di un solaio e mancanza di mezzi di protezione<

Medico Competente: Sorveglianza sanitaria Obbligo per rischi specifici. La Corte di Cassazione, terza sezione penale, con sentenza n. 35425 del 24 agosto 2016, ha confermato la condanna per un medico competente……..<

Sicurezza sul Lavoro: Infoteca dei Riferimenti Informativi per la Sicurezza Università degli Studi di Udine<

Sentenza della Corte di Cassazione 14305/2016 con la quale la Corte di Cassazione, relativamente alla valutazione di legittimità di un licenziamento disciplinare, ha ritenuto che il diritto alla difesa prevale sulle esigenze legate alla segretezza di docu<

Sentenza della Corte di Cassazione n. 26617 del 27 giugno 2016 con la quale si spiega che il reato di esercizio abusivo della professione si configura anche se esercitato sotto forma di Società di Servizi<

Sentenza della Corte di Cassazione n. 15035/2016 con la quale la suprema Corte ha ritenuto non necessario il procedimento di querela di falso per la contestazione di una Ricevuta di Avvenuta Consegna di una PEC di notificazione<

Sentenza n. 24135 del 10.07.2016 della Corte di Cassazione sul Reato di lesioni personali (art. 590 codice penale) commesso nei confronti di una collega<

Sentenza della Cassazione Penale n. 48949 del 11 dicembre 2015 “Lavori in quota: rischi insiti e rischi evitabili”<

Sentenza 15226/2016 della Corte di Cassazione secondo cui “Il lavoratore deve verificare l’invio del certificato di malattia”<

Sentenza n. 4347 del 2 febbraio 2016 della Corte di Cassazione - Sul contenuto del documento di valutazione dei rischi ex art. 28 del D. Lgs. n. 81/2008.<

Sentenza del T.a.r. per il Molise, ord., 12 febbraio 2016, n. 77 che rimette Alla Corte di giustizia la compatibilità con il diritto europeo della norma che prevede l'esclusione della ditta che non ha indicato gli oneri di sicurezza.<

Corte di cassazione, sentenza 18 luglio 2016 n. 14621 Il diritto alla conservazione del posto per il lavoratore tossicodipendente è connesso al mantenimento dell’impedimento derivante dalla permanenza presso la struttura in cui si svolge il programma ter<

Sentenza della Corte di Cassazione n. 29618/2016 pubblicata il 13 luglio 2016 (Presidente: Conti - udienza: 3.6.2016) sulla resistenza aggravata a Pubblico Ufficiale (art. 337 del Codice Penale).<

Sentenza della Corte Costituzionale n° 193/2016 con la quale dichiara non fondata la questione di legittimità costituzionale dell'art. 1 della legge 24 novembre 1981, n. 689 (Modifiche al sistema penale)<

Sentenza n. 19208 del 9 maggio 2016 della Corte di Cassazione – “Su quando deve considerarsi concluso un cantiere temporaneo o mobile”<

Sentenza n. 19208 del 9 maggio 2016 della Corte di Cassazione – “Su quando deve considerarsi concluso un cantiere temporaneo o mobile”<

Sentenza della Corte di Cassazione n. 18914 del 17/05/2012 “L’estinzione del reato contravvenzionale ex D. Lgs. 758/1994 per avvenuto e tempestivo pagamento della sanzione amministrativa ridotta si applica anche nel caso in cui a versare la somma non sia<

Sentenza della Corte Costituzionale n. 174/2016 con la quale la Corte dichiara la illegittimità costituzionale della norma che limitava l’ammontare della pensione di reversibilità ....<

Sentenza 13579 del 4 luglio 2016 “pagamento al lavoratore pubblico: delle differenze retributive per le espletate mansioni superiori; ……”<

Sentenza Corte di Cassazione n. 5233 del 2016 pubblicata in data 16/03/2016 “Sicurezza sul lavoro - Omessa vigilanza sull’impiego degli strumenti di protezione - Infortunio - Responsabilità del datore di lavoro – Risarcimento”<

Corte di Cassazione, Sentenze, Relazioni e Documenti.<